Accedi o registrati

Grani Futuri, due giorni di cultura del grano tra musica, passeggiate e street food



Grani Futuri, due giorni di cultura del grano tra musica, passeggiate e street food

17/06/2017


Sapori autentici, musica dal vivo, salotto letterario di “Terroni” e cene di gala con prodotti fatti a mano da molti chef di tutta Italia: questo quello che č accaduto lo scorso weekend durante l'evento Grani Futuri a San Marco in Lamis.

Grani Futuri, due giorni di cultura del grano tra musica, passeggiate e street food

Pane, alimento sacrale, vero elemento di condivisione dei pasti da rimettere al centro dell’attenzione del grande pubblico. Il weekend gastronomico tutto incentrato sulla catena alimentare che va dal campo alla tavola, ha avuto il successo sperato e meritato: grande attenzione della stampa e tanto "pane al fuoco" per un incontro che ha convinto panificatori e chef a partecipare all’evento in stile street food spinti da Antonio Cera, fornaio "economista" di San Marco in Lamis. In sintonia con questo progetto di valorizzazione del territorio alla conferenza stampa, ospitata dalla Camera di Commercio di Foggia con la partecipazione del presidente Fabio Perreca, sono intervenuti i sindaci di San Marco in Lamis Michele Merla e di San Giovanni Rotondo Costanzo Cascavilla. Interessantissimo il programma del week end del gusto, illustrato nei dettagli dalla organizzatrice Francesca Lafratta (Wedding Apulia). 

Grani Futuri, tutto il buono dello street food - La via del gusto

Stand con panificatori accompagnati ognuno da uno chef e affiancati da un produttore di olio hanno interpretato il pane. Suoni e canti di tradizione del Gargano per raccontare le donne e le genti. Scrittori, giornalisti e docenti universitari a raccontare il "Pane Nostro". Passeggiate nel centro storico tra erbe spontanee e orchidee selvatiche e infine beneficenza con la cena a favore del progetto Laboratorio del Pane nel reparto di Oncologia Pediatrica dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo.

Ricordiamo gli chef intervenuti che hanno "interpretato il pane":

Viviana Varese (Alice Ristorante)
Lacalamita e Della Tommasina (Enoteca Pinchiorri)
Nicola Fossaceca (Al Metrņ)
Errico Recanati (Ristorante Andreina)
Angelo Sabatelli (Angelo Sabatelli Ristorante)
Michelangelo D’Oria (Tenuta di Blasig)
Maria Sollivalles (Palma Ca na Toneta)
Pietro Zito (Antichi Sapori)
Domenico Cilenti (Porta di Basso)
Felice Sgarra (Umami Ristorante)
Agostino Bartoli (Gatto Rosso)
Pani del forno Sammarco (Antonio Cera)


Articolo a cura di: Redazione Oraviaggiando