Accedi o registrati

Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE di Firenze

Via Matteo Palmieri, 31/R - 50122 Firenze (FI)

  Chiama 055 200 1237

Ristoranti Raffinati, specialità pasta fatta in casa, tartare e pizza / (prezzo indicativo) / 13723 (visite ricevute)


  Scrivi la tua opinione

Leggi le 1 Opinione Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE

  • Foto Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE Firenze

Recensione Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE di Firenze a cura del nostro giornalista


Un ambasciatore del Gargano alla conquista della Toscana (e forse di tanti altri bei luoghi nel mondo): Domenico Cilenti a Firenze sembra effettivamente esserci arrivato per rappresentare la sua terra e non per la smania di fare impresa. L'impresa per c', e si chiama “Gourmettino Osteria Contemporanea”, progetto lucido, vivo e appassionato, concepito con la candida idea di raccontare la storia della cucina delle massaie del Sud, riportata al passo dei nostri tempi. Fare visita al ristorante Gourmettino di Firenze , pertanto, molto pi di un fermarsi a mangiare mediterraneo, un modo per conoscere “le genti”, gli usi e i costumi racchiusi in piatti leggeri, mai banali, spesso addiritturasorprendenti.

Storia dello Chef Domenico Cilenti e del ristorante Il Gourmettino
Domenico Cilenti, classe '72, la passione per la cucina la covava da piccolo ma gli esplosa solo dopo il diploma di geometra, come lui stesso ci racconta: “Da ragazzo facevo il cameriere nell'azienda di famiglia, Da Cesare, un ristorante in campagna non lontano da Peschici,una vera cucina a km zero, un posto in cui la gente mangiava davvero ci che il nonno coltivava. Tutta la famiglia era impegnata nella ristorazione, io per non pensavo che da grande avrei fatto lo chef. Mi diplomai come geometra, ma quando iniziai a sperimentare in modo amatoriale la cucina, mi accorsi di avere una sensibilit al gusto che doveva essere coltivata. Appena dopo il diploma sono partito per Lugano alla volta di Villa Principe Leopoldo al fianco di Dario Ranza, chef dal quale ho imparato tanto. L'esperienza presso Villa Principe Leopoldo mi ha dato successivamente la spinta per girare il mondo: Inghilterra, Norvegia, Stati Uniti, Canada, Cina. Nel 2003 mi sono sentito pronto ad aprire il mio primo ristorante, Porta di Basso”. Nel 2006 - aggiungiamo - Domenico vince il premio come miglior Chef Emergente. Nel 2015 viene contattato dall'amico di sempre Leonardo Galetta che gli prospetta l'opportunit di far parte del progetto; nel 2016 si concretizza l'apertura del suo secondo ristorante, Il Gourmettino, condotto con gli altri quattro soci Vito, Lele,Giacomo e Leonardo.

Cosa mangiare al Gourmettino di Firenze
Quella del ristorante Il Gourmettino tendenzialmente una “cucina del Sud”, alleggerita ai giorni nostri da cotture lente ea bassa temperatura e sublimata da marinaturee sottovuoto. La cucina del Gourmettino elegante ed essenziale, gli ingredienti si sentono distintamente e i sapori sono equilibrati.Tra gli ingredienti “principe” troviamo l'olio d'oliva, il pomodoro, la farina e la pasta. La cultivar preferita da Domenco la Peranzana che con la sua eleganza e il suo retrogusto di mandorla, erba e pomodori secchi dona eleganza ai piatti. Ai nostri lettori consigliamo sicuramente di iniziare con fave e cicorielle selvatiche, antipasto tipico pugliese; a seguire le orecchiette con cime di rapa. Sui secondi abbiamo pi di una soluzione da consigliare: noi abbiamo provato il rombo in tempura al nero di seppia con melanzana profumata al timo. Per la preparazione di questo piatto, il rombo viene pulito, immerso nella pastella fatta con acqua frizzante freddissima, farina di riso e nero di seppia, e infine fritto a 175 gradi circa. Lo shock termico impedisce l'assorbimento di olio, pertanto il piatto risulta croccante e asciutto. Chi ama, invece, le tartare qui potrebbe lasciare il cuore: gambero rosso di Mazara del Vallo marinato con arance e capperi o ancora tartare di Fassona con uovo affumicato, salsa di sedano e cappero croccante. E poi c' anche la pizza preparata esclusivamente con farina Senatore Cappelli. Anche sulla pizza vengono utilizzatiingredienti di altissima qualit e presidi Slow Food come il Capocollo di Martina Franca, il pomodoro Prunillo coltivato nella zona di Lucera, il datterino salsato Fiori dell'Orto di Peschici, il Corbarino coltivato nel salernitano e i prodotti dell'azienda Tenute della Griva che fornisce olio e pomodori. La pasta fresca “fatta in casa” semplicemente con acqua e farina. La pasta secca invece acquistata da "Arte e Pasta" Boscoreale, azienda condotta da un mastro pastaio di 75 anni, che ne cura l'essiccamento e l'impasto.

La carta dei vini, sempre in evoluzione, ha come punti fermi la Cantina Le Grotte di Apricena, i vini di Alberto Longo, le bollicine di Feudi di San Gregorio e qualche vino toscano delle aziende Banfi e Antinori.

Perch far visita al ristorante Il Gourmettino di Firenze
Il Gourmettino secondo noi la rappresentazione pi esaltante di come potr essere costruita la ristorazione del futuro: una cucina che si nutre in modo morboso dalla tradizione, esaltata nel gusto e alleggerita nelle cotture, portata in giro per il mondo come fosse arte. La posizione centrale di Via Palmieri obbliga al passeggio tra le bellissime vie intorno a Santa Maria del Fiore, Uffizi e Santa Maria Novella.



Prenota un tavolo Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE


Prenotazione presso Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Data prenotazione

Orario

Ospiti

Nome *

Cognome *

Verifica anti-spam: in quale anno siamo? *

Cellulare *

E-mail *

Messaggio per il ristoratore

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. 196/2003 e del Regolamento UE 2016/679, per le finalità necessarie alla fornitura del servizio, nell'informativa resa



Scrivi la tua opinione per Il Gourmettino - LOCALE CHIUSO DEFINITIVAMENTE

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Esegui l'accesso oppure registrati gratuitamente.


Non sei iscritto? Clicca qui   Hai dimenticato la password?