Accedi o registrati

Ristorante Righi di San Marino

Piazza Libertà, 10 - 47890 San Marino (RSM)

  Chiama 0549991196

  Cucina:  
  Cortesia:  
  Ambiente:  

Ristoranti eleganti, specialità specialità sammarinesi in chiave creativa ed elegante / (prezzo indicativo) / 33132 (visite ricevute)


  Scrivi la tua opinione

Leggi le 9 Opinioni Ristorante Righi

  • Foto Ristorante Righi San Marino

Recensione Ristorante Righi di San Marino


Nella Piazza della Libertà, cuore e simbolo della Repubblica di San Marino, il ristorante Righi si mostra come elemento imprescindibile e indivisibile da tutto l'ambiente circostante. Tra la statua in marmo di Carrara risalente al 1876 rappresentativa della Libertà, il palazzo pubblico e il Parva Domus, il ristorante Righi  sembra davvero essere  lì dalla notte dei tempi;  una struttura che si staglia sul panorama mozzafiato del monte più alto di San Marino che brilla di una doppia luce, grazie alla sua doppia identità. 

Per raccontare il Ristorante Righi con annessa osteria, infatti, potremmo scomodare Càstore e Pollùce, coppia di stelle brillanti che prendono il nome dai due gemelli Diòscuri della mitologia greca,  astri principali che compongono la costellazione dei Gemelli. Polluce, la stella più luminosa, è significata dall’ambientazione del piano superiore, quella del Ristorante Righi, vero capolavoro di ricercatezza, mentre la semplicità d'animo dell'Osteria Righi, trova Càstore come degno simbolo allegorico. Non appena giunti al primo piano ad accoglierci é sopraggiunto Giacomo Paganelli, maitre e sommelier esperto, in compagnia di Giovanni Righi, patron fondatore che, in modo appassionato, ci hanno raccontato di come è cambiato il locale dal 1963 ad oggi. Visitando la sala, non potevamo non notare l'imponente lampadario - prezioso manufatto artistico - realizzato a mano intessendo 4.000 metri di fibre di sottilissima catena di nickel,   i punti luce con piatti cromati appesi alle travi in legno, il servizio di posateria perfettamente coerenti con tutto il coordinato; eleganti particolari collocati in modo impeccabile.

La cucina del ristorante Righi di San Marino
Chiaramente è nella cucina che il ristorante Righi si gioca le sue carte migliori: percorrendo un viaggio tra  tradizione e innovazione, la cucina creativa del ristorante più elegante di San Marino consolida, grazie anche allo chef Luigi Sartini, un cammino impeccabile tra proposte di carne e di pesce, tutte basate sulla ricerca maniacale delle materie prime messe a sostegno dell'identità del luogo. La Carta della Storia, ad esempio,  che ripercorre la vita del locale proponendo  piatti storici del ristorante che sono nel cuore di tutti gli habitué e che hanno fatto meritare allo chef Luigi Sartini, dopo un sodalizio di 19 anni con la famiglia Righi, la prima Stella Michelin nel 2009. In questa carta merita una citazione, e quindi un assaggio, la lasagnetta al ragù antico (antico perchè tagliato a mano con il coltello, in modo da eliminare il grasso e includere solo la parte magra della carne), non eccessivamente alta e gratinata al punto giusto. Con la Proposta del Presente la fantasia dello chef trionfa e la cucina creativa è la regina. Un esempio per tutti la crema di topinambur con calamaretti e gamberi rossi. Infine, la  Carta della Tradizione, che valorizza la cultura del territorio, pensata per chi vuole gustare i sapori tipici. Qui si va da un must come il classico cappelletto in brodo alla più mediterranea insalata di seppie con finocchio selvatico e pomodori datterini. E' ovvio, ogni percorso ha il suo vino: per scegliere quello giusto è possibile attingere dalla selezionata cantina che conta oltre duecento etichette.

Chiediamo a Roberto Righi, figlio di Giovanni nonchè  vocato erede di tutto il progetto, di crearci dal nulla un menù degustazione, basato sulle sue preferenze, una serie di “piatti in libertà” che rispecchino l’anima del ristorante e lui, senza esitazione alcuna, inizia col proporci i cascioncini fritti, piccoli pezzetti di formaggio ed erbette fritti, lascito della nonna Maria, pilastro e motore primo della cucina del Righi, colei da cui tutto ha avuto inizio. Si passa poi al timballo di passatello, perchè è innovazione e tradizione insieme: il passatello viene cotto in brodo, poi presentato asciutto, avvolto in foglie di bieta, adagiato su un letto di fonduta di formaggio di fossa e coronato con una foglia d’oro commestibile. Tra i secondi la scelta cade sulla costoletta di castrato con salsa di cioccolato e purea di fave, capace di stupire e sovvertire le aspettative. Per finire il consiglio del dessert oscilla tra un gelato di squacquerone con fragole e una pera angelica in salsa di Tessano, vino rosso sammarinese, servito con gelato di cassatella e ciambella tiepida. Ecco sintetizzati in un menu la storia di un ristorante, di un luogo e le sue ispirazioni.



Prenota un tavolo Ristorante Righi


Prenotazione presso Ristorante Righi. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Data prenotazione

Orario

Ospiti

Nome *

Cognome *

Verifica anti-spam: in quale anno siamo? *

Cellulare *

E-mail *

Messaggio per il ristoratore

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. 196/2003 e del Regolamento UE 2016/679, per le finalità necessarie alla fornitura del servizio, nell'informativa resa



Scrivi la tua opinione per Ristorante Righi

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Esegui l'accesso oppure registrati gratuitamente.


Non sei iscritto? Clicca qui   Hai dimenticato la password?