Cerca un ristorante

Effettua una ricerca su tutto il nostro database ristoranti.

Agriturismo Camì di Ravenna

(0)
  • 11747 visualizzazioni
  • Migliori Ristoranti
  • Specialità: n.d.
Ristorante non verificato

Agriturismo Camì di Ravenna: ecco cosa scrivono i nostri segnalatori

Il ristorante agriturismo Camì di Savio di Ravenna è un romantico e ameno rifugio del buon cibo e del “buon stare” che unisce l'eleganza di un ristorante gourmet all'idea di genuinità e benessere; Uno di quei luoghi del gusto che riteniamo imperdibili e che quindi segnaliamo quale tappa irrinunciabile. Chi conosce questo ristorante sa che la vera anima del Camì è Vincenzo Cammerucci, chef e patron insieme alla compagna di vita Milena Zanfini. Chi è Vincenzo Cammerucci? Vincenzo Cammerucci è tra i più schivi e riservati protagonisti del variegato mondo degli chef di prestigio. Malgrado la sua formazione “marchesiana”, nonostante sia stato nel tempo esempio e maestro per i più noti professionisti dei fornelli, Cammerucci ha sempre mantenuto un profilo semplice, equilibrato e spesso lontano dai riflettori, ai quali preferisce le luci della sua bella cucina a vista, nell'agriturismo immerso nella campagna ravennate. Questo è il suo mondo fatto di prodotti dell'orto, piatti rispettosi dell'ambiente e sapori che si fanno amare al primo assaggio dagli ospiti della sua tavola accogliente.

Ambiente e atmosfera: come vivere il Camì
Camì è un ristorante, un agriturismo, ma è anche una piccola opera d'arte: l'abilità di far coesistere eleganza e prestigio pur mantenendo inalterato il profilo “contadino” è il vero capolavoro concertato da Milena e Vincenzo che - mai paghi – si riposano raramente pur di perseguire quel “disegno” di equilibrio che è alla base del loro progetto. Entrando si vive immediatamente una forte sensazione di benessere: le luminose finestre, la cucina a vista, l’essenzialità del bianco e del legno chiaro, il caminetto, i fiori e le piante officinali convivono in perfetto accordo restituendo all'osservatore un'energia rigenerante. Sui tavoli non solo bicchieri: un frutto, un ortaggio, un ramo, muovono l’uniformità monocromatica e portano la vista verso l’esterno, sul verde rigoglioso della campagna, sull’orto e sulla terra sentita come valore quasi spirituale. Nella bella stagione il porticato posteriore si apre al sole e all’aria profumata, alla quiete di un territorio tanto vicino al mare di Milano Marittima quanto lontano dalla sua mondanità.

Cucina innovativa e materie prime che proteggono la salute
La filosofia del Camì è racchiusa tutta nei concetti di semplicità, salute e benessere. Il ristorante è una fucina di piatti e prodotti pensati prima di tutto per tutelare la salute psico-fisica dei propri clienti. Non solo materie prime di qualità (molte delle quali prodotte direttamente nell'area agricola dell'agriturismo) ma un intero programma che persegue la filosofia del sano e buono, filosofia che non trascura nemmeno l'utilizzo della buona acqua. “Proteggere la propria salute facendo prevenzione a tavola” – ci dice Milena - “si può, basta far conciliare materie prime controllate, tecniche di cottura e sani abbinamenti.” Nei campi adiacenti all'agriturismo si coltivano direttamente molte delle materie prime utilizzate in cucina: l'agri-ristorante è infatti immerso nella verde campagna di Savio. Le materie prime sono coltivate in maniera assolutamente naturale e in cucina si utilizziamo solo prodotti stagionali e freschi di campo.

Vincenzo Cammerucci
Vincenzo Cammerucci è nato a Recanati, ed ha iniziato la sua carriera giovanissimo a 15 anni. Il suo successo, coronato da una stella Michelin e da citazioni nelle più prestigiose guide gastronomiche, è da sempre legato ad una eccezionale sensibilità nel manipolare e valorizzare sapientemente ingredienti di grande qualità esaltandone i sapori originali. Per Vincenzo Cammerucci cucinare è un vizio di famiglia: ha iniziato con suo fratello chef, ma anche suo nonno era un cuoco, di quelli che in campagna cucinavano per tutti i contadini nelle varie ricorrenze da festeggiare. Nel suo lungo percorso formativo, una svolta determinante è stata l’esperienza con Gualtiero Marchesi, da cui deriva il suo stile di sottrazione, piuttosto che di aggiunta. Cammerucci non è però geloso del suo sapere: ama anzi trasmettere la sua passione, collaborando con diverse scuole alberghiere, tenendo corsi per i ragazzi di San Patrignano o facendo il docente all’Università della Cucina di Colorno (PR). Nelle sue creazioni si possono intuire le sue origini recanatesi, e l’adopero attento degli ingredienti del territorio marchigiano.


Scrivi la tua opinione per Agriturismo Camì

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Accedi o registrati gratuitamente


w3 Validator