Cerca un ristorante

Effettua una ricerca su tutto il nostro database ristoranti.

Pepper restaurant di Roma

(0)
  • 6079 visualizzazioni
  • Ristoranti tipici regionali
  • Specialità: n.d.
Ristorante non verificato

Pepper restaurant di Roma: ecco cosa scrivono i nostri segnalatori

Una calda esperienza gastronomica al Pepper restaurant di Roma. Ci troviamo in pieno centro, tra la via Casilina e Piazza Lodi in una strada che incorocia l'antico acquedotto romano (Aqua Claudia e Anio Novus). Il Pepper restaurant si presenta ai nostri occhi con uno spiccato spirito conviviale, quasi aureo ed una cucina che strizza l'occhio ai piatti della tradizione romana ma che aggiunge tocchi di novità che la rendono riconoscibile e riconducibile alla mano del bravo chef Angelo Preziosi, appena trentacinquenne. La sua esperienza in cucina nasce sin dalla giovane età di otto anni. Grazie alla nonna. Impara i primi passi avvicinandosi ai sapori di una cucina naturale e semplice, verace, buona. Angelo impara sul campo, assaggiando mille sapori e ponendosi con quella curiosità innata tipica di chi vuole davvero conoscere le cose. E’ un uomo forte, con il sorriso sulle labbra. La persona giusta per questo locale. La cucina si arrichisce di ingredienti laziali. Non soltanto romani. Con la corerenza della scelta di prodotti a chilometri zero. Genuini. Dalla selezione dei formaggi della Sabina, alla porchetta di Ariccia. Dal prosciutto di Bassiano al conciato di San Vittore. E’ un formaggio biologico a latte crudo eccezionale. Tutto in un locale che abbraccia il cliente con il suo parquet in listoni di legno e le pareti color oro. Rendendolo un ristorante per chi cerca la serenità e un gusto del cibo non comune. Angelo non è solo. In cucina il suo assistente è ragazzo di ventiquattro anni e pieno di passione per la cucina: Nicola Mettivier. In sala con una divisa molto professionale da maesto del gusto c’è invece Francesco con un servizio impeccabile. Luci soffuse un tappeto musicale rilassante. Riconosco Night and Day. La regia del Pepper è tutta nelle mani dell’avvocato Chiara Solfizi che dall'agosto 2014 rende concreta una passione che si era fatta matura.

La nostra degustazione e i nostri consigli cosa mangiare al Pepper di Roma
Inizio cosi la mia degustazione. Su di un tavolo di legno bel levigato e dal colore chiaro è stesa una morbida tovaglia di iuta. Accoglie una posateria fine e intonata alla sobrietà della location. Sono seduto vicino una parete con accanto un quadro che riporta le botticelle romane del 1939. Sono le carrozze per passeggiare con i cavalli per le strade di Roma. Il servizio mi regala un assaggio come benvenuto: i fegatini di pollo con zenzero e mela. Ottimi, anche perché accompagnati dal pane di farina doppio zero e sette cereali che la cucina prepara ogni giorno. E non lo inserisce nel conto. E’ gratis per tutti . Ottima scelta. Il pane si presenta in un cartoccio chiuso e ben caldo. Aprendolo si sprigiona un profumo del pane di una volta. Ben cotto . La mollica è molto buona e la la crosta croccante e marrone scuro. Assaggio le alici in cartoccio al pecorino e prezzemolo. Leggermente infarinate e poi subito fritte. Innevate poi dal pecorino romano e prezzemolo. Lo Chef le prepara in modo molto equilibrato. Sono molto friabili, croccanti e abbondanti.. Sembrano uscire da una cornucopia. E’ la fortuna di mangiare un prodotto così buon. Un cartoccio così ben fatto potrebbe essere proposto come street food per chi passeggia per Roma.. Ogni alice tira l’altra. Sembrano non finire mai. La convivialità serena del Pepper nasce dalla tranquillità che regala questa location. Gustando ogni ingrediente con un piacere unico. E’ la carrbonara poi ad attirare la mia attenzione. Lo Chef Angelo la arricchisce di carciofi. Si presenta bene. La cremosità è ben creata. E i carciofi rendono più delicato un piatto ben strutturato. La scelta del carciofo rispecchia poi la volontà di usare prodotti stagionali. Per arricchire i piatti della tradizione romana con ingredienti del Lazio. Il guanciale è un prodotto che Angelo seleziona da un fornitore locale. Proviene da suini allevati senza procedimenti industriali e con un’alimentazione naturale. E così il guanciale è semplicemente buono con un grasso che esalta il sapore della carnbonara. Accanto a questa specialità romana rivisitata, Angelo mantiene un’originalità non comune. Preparando piatti come la cacio e pepper con quattro pepi diversi e ben armonizzati. Le Pappardelle aglio, olio pecorino e baccalà. Piatti da provare per viaggiare nel mondo di un gusto da esplorare. In tranquillità. Il secondo piatto è un taglio nobile: il filetto. Quello di suino. Tenero e ben cotto. Mantenendo una cottura leggermente rosata al centro. La ricetta utilizza radici antiche. Il letto di crema di mele sfumate al Porto rendono il piatto dolce e coerente con una carne così tenera. Tutto incoronato dalla pancetta che sovrasta sua maestà il filetto. Ottima la scelta del taglio nobile del maiale. Non sempre lo troviamo valorizzato in cucina. Il filetto si presta molto per lavorazioni delicate e corpose allo stesso tempo. Tenere e spesso ricche di abbinamenti di frutti rossi. Come il colore di questo piatto che Angelo ha confezionato abilmente. Un piacere che riporta alle origini del cibo. La dolcezza della carne richiama poi un dolce unico: una cialda in pastafrolla con pere caramellate e ricotta di pecora dolce. Con topping di cioccolato. Un’eleganza e sobrietà intonata con l’ambiente. Il dolce è preparato in modo naturale e dalle mani di uno Chef che si rende disponibile a creare un gioco di sapori ben allineati. Con equilibrio. Ottimo dolce. Buona la carta dei vini. Non soltanto regionali del Lazio. Ci sono anche i migliori vini con etichette nazionali di vitigni importanti.

Informazioni utili sul Pepper
Il Pepper è un ristorante dove passare una serata piacevole e immersa in un ambiente che rilassa al gusto. Ha la possibilità di ospitare circa quaranta coperti e presto aprirà il giardino esterno. Uno spazio per almeno conquanta persone ancora. Il prezzo medio è di 25 euro a persona comprese le bevande e il mercoledi osserva il suo giorno di riposo. Ottimo il parcheggio. Mangiare al Pepper è un’esperienza di sapori da ripetere. Sempre ed ogni volta che si vuole far sposare il gusto con il relax. La qualità con la fantasia. Al giusto prezzo.


Roberto Spiridigliozzi  


Scrivi la tua opinione per Pepper restaurant

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Accedi o registrati gratuitamente


w3 Validator