Cerca un ristorante

Effettua una ricerca su tutto il nostro database ristoranti.

Ristorante Grotta Palazzese di Polignano a Mare

(5.00)
  • Ristoranti Raffinati
  • Specialità: Tubettino mantecato con bisque di gambero rosso, doppia cottura di cima di rapa, spuma di cima di rapa e gambero rosso
Ristorante verificato

Recensione Ristorante Grotta Palazzese di Polignano a Mare a cura del nostro giornalista

Grotta Palazzese a Polignano a Mare è uno dei ristoranti più belli del mondo, un luogo dove tutte le unicità formano un intero quasi filosofico tra natura e umano. L’incanto del mare, il duro della roccia, le persone nel suo centro, non c’è nulla che possa separare questa simbiosi perfetta di forma e presenza. La grotta da pranzo che un tempo è stata una grande sala da ballo dove l’alta società si riuniva a festa, vi accoglierà per un’esperienza gastronomica in sospensione tra il sogno e la realtà. 

Da gennaio 2019 la cucina di Grotta Palazzese è stata affidata alle mani stellate di Felice Sgarra trasferitosi dal suo “Umami” qui a Polignano a Mare con tutti i suoi fratelli. Roberto Sgarra si occupa della sala, Maria Teresa, la sorella, si occupa dell’amministrazione e Riccardo del Food & Beverage. Felice eredita un corso gastronomico importante ma lo fa con l’umiltà e la dedizione che da sempre accompagnano la sua crescita professionale; l’innovazione non tradisce l’appartenenza e la passione per la materia prima del territorio non si smentisce. A Grotta Palazzese, Felice non esaspera, non esibisce, porta la sua cucina di sostanza, ricca, generosa e brillante di colore, aggiorna la tradizione in modo originale e mai ripetuto e delizia gli ospiti con piatti all’altezza del luogo. Quella di Felice Sgarra è una cucina di ricerca e di scoperta, materia prima eccellente, tecniche innovative e interpretazione assolutamente originale. Il menù propone piatti A La Carte e tre proposte di degustazione: “Sogno”, “Indimenticabile” e "Verde Mare", quest'ultimo completamente vegetariano. La carta dei vini conta più di 300 etichette nazionali e internazionali. 

Il sogno di pranzare o cenare a Grotta Palazzese

Grotta Palazzese è uno di quei luoghi le cui immagini hanno fatto il giro del mondo e hanno finito per appartenere al nostro immaginario collettivo. Non c’è nessuno che non conosca la sala ricavata all’interno della grotta naturale ma c’è da dire che esserci, starci dentro, è un’esperienza davvero difficile da raccontare. Ci si trova dentro la roccia, nella sostanza più ruvida in natura eppure la sensazione di accoglienza è potente. Una grotta madre, un ritorno al primitivo “uterino” che tocca in modo forte. Che la grotta sia un luogo di piacere altrettanto primordiale come il cibo, conferma questa sensazione. L’umano e il naturale si mescolano senza frattura, senza scontro, non c’è un vuoto di senso, un paradosso. La sala diventa un nascondiglio, una tana, un luogo privato dove lasciarsi andare a un’esperienza che coinvolge davvero occhi, orecchie, pelle e bocca.

La nostra degustazione in Grotta Palazzese

Il pranzo consumato, in perfetta sintonia con la dimensione quasi onirica della location, è stato un viaggio pazzesco tra Oriente e Occidente nel quale tutte le fermate sapevano sempre e comunque di Puglia. Pronti, via! Crema di ricotta con casorello in osmosi, oliva taggiasca, cavolfiore, salsa allo zafferano e semi di zucca, il tutto accompagnato da Pane con burro nocciola, filetto di acciuga di Cetara e bruschetta di pane e olio.

A seguire, Insalatina dell'orto con crostacei nostrani, spolverata di lampone disidratato e yuzu. Subito dopo Ostrica e granita di gin. I divertibocca continuano: Humus pan cotto intrinso di acquasala con gazpacho e verdure al vapore, il tutto completato con Acquasala calda con gin vaporizzato. E ancora, Cocktail con caviale, gelatina al Campari e crispy di lime.

Due i primi che Felice ha voluto farci provare: il Tubettino mantecato con bisque di gambero rosso, doppia cottura di cima di rapa, spuma di cima di rapa e gambero rosso, gel di limone e crema di aglio nero. Intramezzo: Pane e olio: spuma di pane e alla base, olio e olive disidratate. Ecco a seguire il Risotto zafferano di Navelli con crema di caciocavallo e gnumeriello.

Il secondo: Ventresca di tonno pinna blu, wagyū, perle di fico e il suo aceto e pinzimonio. In abbinamento crema di topinambur, foglioline d'oro e nebulizzata di aceto di riso tosazu.

Sorbetto di yuzu e macadamia per prepararsi all'arrivo del Brulé di patate, cioccolato, vin cotto di fichi e fico con la mandorla di Toritto

Quanto costa mangiare da Grotta Palazzese

La spesa minima per godere di questo meraviglioso luogo è di 180 euro a persona. Questo a prescindere se ci si accomoda per gustare un intero menù degustazione o una sola portata. Non è possibile, in pratica, spendere meno di questa cifra. Il sito web riporta ufficialmente tale dicitura "Menu A' LA CARTE - 1 o 2 o tre portate Euro 180 per persona - 4 portate Euro 220."

Perché vale il viaggio

Dimenticate le cartoline perché qui il magnifico è tutto vero: le acque smeraldo di Polignano a Mare, lo spettacolo della roccia che diventa ospitale, una cucina fresca, minerale e marina al punto giusto, che assomiglia alla presenza semplice e pulita, poetica e romantica dello Chef Felice Sgarra.


Opinioni Ristorante Grotta Palazzese (1)

  1. Germanico

    Finalmente adesso anche la cucina è top

    5 / 5

    Conosciuto in tutto il mondo per la suggestiva terrazza incastonata nella scogliera di Polignano, da quando c'è Felice Sgarra in cucina, il prezzo vale la candela

Scrivi la tua opinione per Ristorante Grotta Palazzese

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Accedi o registrati gratuitamente


w3 Validator