Cerca un ristorante

Effettua una ricerca su tutto il nostro database ristoranti.

Ristorante Il Poeta Contadino di Alberobello

(4.67)
  • Ristoranti Raffinati
  • Specialità: Cucina del territorio rivisitata
Ristorante non verificato

Ristorante Il Poeta Contadino di Alberobello: ecco cosa scrivono i nostri segnalatori

Il Ristorante Il Poeta Contadino di Alberobello è sicuramente una delle eccellenze più interessanti della regione Puglia, un locale elegante e raffinato che vanta una stella Michelin già dal lontano 1990, ma che si fregia anche di riconoscimenti internazionali come il premio miglior ristorante d'Italia sancito dalla guida francese Gault Millau o il Grand Award da Wine Spectator quale miglior cantina di vini al Mondo insieme a soltanto altri due ristoranti in Italia, Enoteca Pinchiorri e La Pergola di Heinz Beck.

Ambiente e atmosfera del ristorante Il Poeta Contadino di Alberobello
Il camino, le arcate, gli imponenti muri in pietra ricreano l'ambientazione di una corte medioevale. In questo ristorante arredato in stile liberty dal clima suggestivo frutto di un'accurata ristrutturazione di una vecchia stalla, si vive l'emozione del contrasto raffinato/rustico, quella particolarissima amalgama di elementi che solo qui in Puglia sanno combinare in modo in modo soave.

Cosa abbiamo degustato: la cucina del ristorante Il Poeta Contadino di Alberobello
La cena in questo ristorante è stata una bellissima esperienza, con piatti eleganti e di sostanza al tempo stesso, saldamente ancorati al territorio. L’entrèe, meravigliosa, è stata affidata a semplicissimi gamberi rossi con salsa di mandarino, piatto nel quale la dolcezza del gambero è stata esaltata dalla delicata acidità della profumata salsina. Proseguiamo con l’ottima orata marinata con burrata, pomodoro secco, polvere di liquirizia, melograno e sale di Maldon, seguita dalla personale interpretazione della parmigiana di melanzane con salsa al basilico, crema di ricotta, granita di arance rosse e finocchietto selvatico. Il primo piatto è un classico sapientemente rivisitato, le orecchiette integrali con salsiccia, cipolla rossa, funghi di pino e cardoncelli, mentre come secondo piatto optiamo per una leggerissima spigola cotta a 75° in olio extravergine, cipollotto selvatico, pomodori confit, ravioli di patate, tapenade di olive e sale nero delle Hawaii. A seguire un sontuoso dentice in crosta di pane al nero di seppia con salsa di burrata e polvere di olive nere.

Lo Chef Leonardo Marco
Non aveva fatto studi alberghieri e nel suo bagaglio c’erano solo alcune esperienze come cameriere, ma quando si è in difficoltà bisogna pur inventarsi qualcosa. Così Leonardo abbandonò gli studi e aprì il suo ristorante, per dedicarsi anima e corpo alla sua nuova attività di cuoco.

La passione per questo lavoro crebbe in parallelo al successo che il Poeta Contadino ebbe sin dall’inizio, periodo in cui proponeva i piatti della tradizione regionale della sua terra realizzati con grande cura e attenzione al dettaglio.

Nel 1990 – tra i primissimi in Puglia – arrivò la stella Michelin, e, con essa, i piatti cominciarono ad evolversi verso la rivisitazione e la personalizzazione, sempre, però, interpretata con i grandi prodotti della sua terra.

Contemporaneamente, non avendo avuto il tempo materiale di fare esperienze di lavoro all’estero, decise di utilizzare il suo tempo libero per andare a “rubare” il mestiere ai suoi colleghi famosi, recandosi personalmente nei ristoranti più importanti del Mondo, in modo da poter meglio comprendere l’evoluzione della cucina moderna. “Sono stato dai fratelli Roux, da Joel Robuchon, anche a El Bulli, tutte belle esperienze, anche se non ho amato particolarmente la cucina di Adrià, dal quale sono andato via non molto colpito e anche con qualche appesantimento digestivo. E’ una cucina che - per carità, è solo una mia opinione - non mi dà particolari emozioni, c’è troppa elaborazione.”

Alberobello
Ad Alberobello c’è un turismo di passaggio che non influisce particolarmente sul lavoro di questo ristorante. Chi viene qui lo fa perché è mandato da alberghi importanti come Torre Coccaro e San Domenico, oppure perché vuole conoscere la cucina e la cantina del “Poeta”. C'è chi prenota con largo anticipo anche dall’America, dall’Australia, dalla Colombia. Qui ì prodotti sono più che a chilometro zero: ci sono contadini che portano le fave, le cicorielle selvatiche e tutte le altre verdure di stagione. Le carni locali sono ottime, il pesce del vicinissimo Adriatico, insomma materie prime importanti. E filosofia di Leonardo Marco. in cucina è il rispetto di queste meravigliosi prodotti.


Opinioni Ristorante Il Poeta Contadino (3)

  1. Francesca Antignani

    Recensione

    5 / 5

    Come sempre questo ristorante non ci delude mai, ogni volta è una conferma! Lo consiglio

  2. Armando Ciffi

    Recensione

    5 / 5

    Ottimo ristorante immerso nella valle d'itria, con una cucina tipica e davvero raffinata, ho assaggiato tutto di terra e con sapori locali di pregio. Personale attento. Lo consiglio

  3. Anonimo

    Recensione

    4 / 5

    Siamo stati per la prima volta al Poeta Contadino ad Alberobello in occasione di un raduno di auto d'epoca.... Eccellente....Siamo ritornati in Puglia per le nostre vacanze ed era d'obbligo rivisitarlo. Abbiamo gustato un tortino di ricotta con baccalà su purea di ceci neri ed una spigola in crosta di pane nero con pomodori secchi su crema di burrata...semplicemente sublime...... Grande ristorante, grandissima cucina

Scrivi la tua opinione per Ristorante Il Poeta Contadino

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Accedi o registrati gratuitamente


w3 Validator