Accedi o registrati

Trattoria C'era una volta di Bologna

Via Idice Loc.La Rocca Monterenzio, 155 a - 40050 Bologna (BO)

  Chiama 051919303

Trattorie, specialità pasta tirata al mattarello / (prezzo indicativo) / 10153 (visite ricevute)


  Scrivi la tua opinione

0 Opinioni Trattoria C'era una volta

  • Foto Trattoria C'era una volta Bologna

Recensione Trattoria C'era una volta di Bologna


Se sfogliamo il dizionario del dialetto romagnolo, alla voce “arzdora” troviamo il significato di reggitrice, massaia, colei che presiede al governo della casa. La parola esprime il senso positivo di un’instancabile operosità unita alla capacità di essere il fulcro della famiglia. Senza di essa nulla va avanti nella routine domestica; a tavola è lei che dobbiamo ringraziare mentre ci accingiamo ad assaporare i gusti della tradizionale cucina casalinga. Patrizia Roncarati incarna perfettamente l’anima dell’arzdora, anzi lei è l’arzdora di “C’era una volta”. Se le sue origini sono ferraresi, sia per i natali sia per gli insegnamenti che bisnonna, nonna e mamma le hanno trasmesso in cucina, una volta uscita dal guscio domestico, Cupido l’ha sospinta verso la Romagna, così che potesse ampliare le sue conoscenze con quelle della tradizione emiliano-romagnola. Ne è nata un’esperienza unica che da pochi mesi è diventata il senso della sua trattoria che porta in tavola per l’appunto ciò che “c’era una volta”. Dall’antipasto semplice di salumi nostrani con piadina al testo, alla sfoglia tirata al mattarello che domina i primi tra i quali scegliere tagliatelle, tortelloni o ravioli ma anche maltagliati ai fagioli o pappardelle. I secondi, ai quali pensa il marito Fabrizio Gentilini, variano tra carne alla griglia, fiorentina, filetto, castrato e stufato di fagioli con cotiche e salsicce. Giocare con i fuori menù è quanto più diverte Patrizia
che realmente pensa: "Quand l’azdora e el mazler is metan d’acord, i fa di magné special e i tal disan quand’ t’ariv". Quindi le sorprese sono sempre in agguato, ed ecco che, la domenica, ad esempio, non mancano i tortellini in brodo o i passatelli e il bollito con le relative salse. I dolci naturalmente sono assolutamente fatti in casa e tra una sfoglia e l’altra ci pensa Patrizia a preparare torta di mele o di pere e zuppa inglese. Il locale comprende una cinquantina di posti a sedere interni e una quindicina sotto la veranda estiva, dirimpetto ad una delle più antiche vie transappenniniche che fin dall’evo antico collegavano il lato tirrenico a quello adriatico della penisola. Infatti, ci troviamo nella valle dell’Idice nella zona del Monte Bibele, noto per la ricchezza di risorgive che hanno favorito l’insediamento umano. Proprio per questo motivo qui si c’è uno dei più famosi siti archeologici di natura Celtica che conseguentemente ha dato vita al Museo “Luigi Fantini” di Monterenzio. L’arzdora non si riposa mai a parte le ferie estive a cavallo del Ferragosto, quindi da lunedì a domenica è possibile sedersi al tavolo della sua cucina, magari prima o dopo aver visitato quanto la natura rigogliosa del posto e la sua storia abbiano da raccontare.
 





Prenota un tavolo Trattoria C'era una volta


Prenotazione presso Trattoria C'era una volta. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Data prenotazione

Orario

Ospiti

Nome *

Cognome *

Verifica anti-spam: in quale anno siamo? *

Cellulare *

E-mail *

Messaggio per il ristoratore

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. 196/2003 e del Regolamento UE 2016/679, per le finalità necessarie alla fornitura del servizio, nell'informativa resa




Scrivi la tua opinione per Trattoria C'era una volta

Per poter lasciare una recensione è necessario eseguire l'accesso ad Oraviaggiando.

Esegui l'accesso oppure registrati gratuitamente.


Non sei iscritto? Clicca qui   Hai dimenticato la password?